Milano Scale Model 2018 - Tematiche del concorso

L'organizzazione di Milano Scale Model metterà in palio due premi per i migliori lavori iscritti ad una delle due tematiche

1° TEMATICA CONCORSO

Centenario della fine della 1° Guerra Mondiale 1918/2018

L’estate del 1914, cent’anni fa, segnò l’inizio della Prima guerra mondiale, il  più grande conflitto mai visto, una carneficina che coinvolse quasi tutti i continenti, gran parte delle Nazioni e dei loro abitanti, cambiandone per sempre il destino. Tante e tali sono state le novità, le implicazioni, le conseguenze di quel conflitto conclusosi nell’autunno 1918 che solo ad un secolo di distanza il mondo sembra uscire dai solchi che produsse.

Quando furono firmati gli armistizi tra i belligeranti, le vittime si contavano a decine di milioni, mentre i sopravvissuti dovettero adattarsi ad un mondo nuovo e fortemente instabile. Crimini e orrori in vasta scala, armi nuove e micidiali, indifferenza per le spaventose perdite militari e civili hanno accomunato quasi tutti i numerosi fronti aperti.

L’italia entrò in guerra nel 1915, il 24 maggio. Paese povero e impreparato, si trovò presto in trincea per difendere il proprio territorio.

La disfatta di Caporetto nell’ottobre 1917 fu il momento più difficile, ma la resistenza sulla linea del Piave consentì la riscossa fino alla resa degli austriaci a Vittorio Veneto il 4 novembre. L’entusiasmo per la vittoria durò poco, tanti e tali erano stati i sacrifici imposti al Paese. Un mondo era finito, e la nuova era si presentava assai fosca.

(testo estratto dal sito Ansa.it)

In occasione del centenario che ricorre quest’anno, è stato istituito un premio speciale tra i modelli iscritti a questa tematica.

Per indicare l’appartenenza del modello iscritto a questa tematica, basterà selezionare l’apposita casella nella scheda di iscrizione cartacea o in fase di iscrizione on line (selezionando allo stesso modello l’apposita casella).

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

2° TEMATICA CONCORSO

Guerra del Vietnam

Il 30 aprile del 1975 si è conclusa la guerra in Vietnam, uno dei conflitti più lunghi e sanguinosi del Novecento, e che diede origine a estese manifestazioni pacifiste di protesta: nel mondo è anche diventata la-guerra-del-Vietnam, cioè il simbolo di un conflitto ingiusto e brutale. È stata la guerra più rilevante combattuta dagli Stati Uniti dopo la Seconda guerra mondiale ed è stata anche al centro di buona parte della cultura pop dell’epoca e degli anni successivi, raccontata in una miriade di libri, canzoni, film, articoli di giornale e fotografie.

Secondo Daniel Hallin, esperto di comunicazione politica dell’Università di San Diego, è stata anche il primo conflitto in cui «i giornalisti accompagnarono ufficialmente le forze militari, senza essere oggetto di censura».

La guerra fu combattuta prevalentemente nel Vietnam del Sud: da una parte c’era l’esercito del Vietnam del Nord, guidato dalla dittatura comunista di Ho Chi Minh, dall’altra l’esercito del Vietnam del Sud, dove dopo la guerra di Indocina era stato instaurato un regime anti-comunista guidato da Ngô Đình Diệm e sostenuto dagli Stati Uniti. Nella guerra furono coinvolti anche i vicini Laos e Cambogia e diversi alleati internazionali: Cina e Unione Sovietica a sostegno di Hồ Chí Minh, Stati Uniti e alleati occidentali con Ngô Đình Diệm. La guerra durò dal 1960 al 1975 con il progressivo coinvolgimento degli Stati Uniti soprattutto a partire dal 1962, sotto l’amministrazione democratica di John Fitzgerald Kennedy e poi, dal 1968, con il suo successore Lyndon Johnson.

Si concluse con la caduta di Saigon, capitale del Vietnam del Sud, conquistata dall’esercito di Ho Chi Minh: fu anche la prima e più grossa sconfitta militare degli Stati Uniti durante la Guerra Fredda.

(testo estratto dal sito ilpost.it)

E’ stato istituito un premio speciale tra i modelli iscritti a questa tematica.

Per indicare l’appartenenza del modello iscritto a questa tematica, basterà selezionare l’apposita casella nella scheda di iscrizione cartacea o in fase di iscrizione on line (selezionando allo stesso modello l’apposita casella).

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Lascia un commento